sabato, 26 maggio 2018 19:22
Advertisement
Home Page arrow Dall'Italia arrow Notizie dall'Italia arrow Un semplice SMS per sostenere "La Città della Speranza"

Menu principale
Home Page
Chi Siamo / Who we are
L'Associazione
Calabria Mondo
Redazione
Per contattarci e per associarsi
Editoriali
Dalla Calabria
Dall'Italia
Dal Mondo
Donne di Calabria
L'Unaie
Blog
Notizie ed Eventi
Consulenza legale
Paesi e bellezze di Calabria
Università e ricerca
Indirizzi utili
Ricerca
Amministratore
Un semplice SMS per sostenere "La Città della Speranza" PDF Stampa E-mail
Scritto da Luisa Capicotto   
mercoledì, 20 gennaio 2010 19:23

ImageSarà attivo dal 18 al 24 gennaio 2010 il numero 48588, per sostenere il progetto "La città della Speranza " Riacho grande - Brasile, attraverso l'invio di sms. con un gesto semplice , sarà possibile sostenere economicamente il progetto dell'Associazione Internazionale Padre Kolbe A.I.P.K. Onlus e dare una vita degna di essere vissuta, ai ragazzi di Riacho Grande e alle loro famiglie.

Donando 1 euro per ogni SMS inviato da cellulari TIM, Vodafone, Wind e 3, e 2 euro per ogni telefonata allo stesso numero da rete fissa Telecom Italia, sarà possibile aiutare l’Associazione a terminare la costruzione del centro sociale “La Città della Speranza” a Riacho Grande, San Paolo, Brasile.
“La Città della Speranza”, è un centro di solidarietà e formazione alla vita che si sta realizzando a Riacho Grande (SP) – Brasile, una zona molto povera dove 80.000 persone (con una media di 6 persone per famiglia) vivono in condizioni di forte disagio, molta povertà materiale e morale; difficili e precarie condizioni economiche e igienico sanitarie.
L’Associazione ha già iniziato a realizzare il progetto della “Città della Speranza” portando a termine la prima struttura: “il Centro Sociale per Bambini”.
Attualmente l’Associazione Internazionale Padre Kolbe si trova di fronte alla necessità di dedicare parte dei fondi per la realizzazione di infrastrutture per la sicurezza dei quasi 500 bambini che frequentano già il Centro Sociale de “La Città della Speranza”.
Il Centro sociale infatti non è dotato di un prato dove i bambini possono giocare, di una recinzione, manca il drenaggio per le acque fluviali e un sistema idoneo al raccoglimento dell’acqua, non è stata costruita una strada di accesso al complesso e attualmente si accede al Centro Sociale mediante un sentiero non asfaltato.
L’obiettivo economico da raggiungere è di circa 100.000 € (per il quale abbiamo già il sostegno di una azienda di 25.000 €)
L’intera struttura sarà l’unico Centro, per gli abitanti di Riacho Grande ma non solo, dove poter realizzare corsi intensivi e continuati, corsi di studio, convegni culturali, sociali e spirituali; seminari finalizzati alla prevenzione delle malattie, corsi pratici per promuovere l’ecologia del riutilizzo dei residui e riciclaggio.
Il progetto “La Città della Speranza” è sostenuto dalla campagna di comunicazione e raccolta fondi “una bici, mille speranze”, che verte attorno alla figura di Mauro Talini, un ciclista diabetico insulino dipendente e socio dell’Associazione stessa, che quest’anno ha deciso di dedicare la sua pedalata in solitaria di 9.000 km attraverso l’America Latina, per raccogliere fondi a favore de “La Città della Speranza”.
Mauro Talini, è partito il 1 dicembre scorso dall’aeroporto G. Marconi di Bologna, e farà tappa nei sei centri, dislocati tra la Bolivia, Brasile e Argentina, dove l’Associazione Padre Kolbe Onlus è presente con progetti di cooperazione e sviluppo. Ad oggi, ha percorso 4000 km e toccato già 4 Centri delle Missionarie dell’Immacolata Padre Kolbe, la sua impresa sta sviluppando un grande interesse verso sportivi, diabetici, persone legate al sociale, sia a livello nazionale sia internazionale, tanto che Mauro ha incontrato: il console italiano in Bolivia Dante Pucci, il presidente del Brasile Luiz Inàcio Lula, il prefetto di San Paolo,  il sindaco di Riacho Grande Fausto Landi ecc. Una forte emozione è stata vissuta, quando Mauro è entrato nel Centro Sociale della “Città della Speranza” e dove tanti bambini hanno accolto con gioia e speranza …”il ciclista”.

        

La campagna “una bici, mille speranze”… continua per altri due mesi…e intende superare la sua duplice sfida:continuare a dimostrare che il diabete non è un limite, e continuare la raccolta fondi, per tentare di oltrepassare il limite della povertà nei territori di San Paolo in Brasile.

Image

Ultimo aggiornamento ( mercoledì, 20 gennaio 2010 20:40 )

Top!